LED per esterno – Come posizionare la luce per valorizzare il giardino

Led per esterno – Il meglio della tecnologia illuminotecnica

Led per esterno? Sì grazie. Ma perchè? Quando si parla di illuminazione di esterni si deve tenere a mente un punto fondamentale: Per quanto possa sembra cosa semplice, la realtà è ben diversa. Piantare un paio di paletti in giardino (magari sperando che cresceranno in altezza) ed affiancarli con un due o tre di lampade a batteria non è certamente il modo migliore per valorizzare gli spazi in questione. Allo stesso modo dell’illuminazione di interni, bisogna infatti tener conto di molti fattori chiave. L’argomento è complesso ed andrebbe sviluppato a lungo con studi approfonditi.

Per questo motivo vi consigliamo di rivolgervi a degli esperti del settore (come ad esempio noi di Crazy for light, potete contattarci a questo link per una consulenza ) in modo tale da poter stare tranquilli sul risultato. Tuttavia con questa guida vogliamo fornirvi un vademecum con tutte le accortezze del caso. In questo, oltre ad apprendere i punti fondamentali del “buon cortile”, avrete tutti gli strumenti per riconoscere chi dichiara di essere un esperto da chi effettivamente lo è.

Andando subito al sodo:

per riuscire ad avere una buona illuminazione di qualsiasi ambiente si deve avere un certo occhio critico. Questo è l’elemento fondamentale e imprescindibile, senza di esso infatti il resto dell’operato risulta estremamente più diffisce se non impossibile. Fortunatamente questa abilità non è esclusivamente innata ed è quindi possibile impararla col giusto impegno di tempo.
I vantaggi dell’impiego di illuminazione LED riesiedono, come nell’illuminazione di qualsiasi altro ambiente, nei consumi e nelle dimensioni ridotte. Se vuoi approfondire l’argomento puoi leggere questi articoli al riguardo scritti da noi.

 

 

LE BASI: L’illuminazione LED per esterno

Partiamo col dire che per illuminare al meglio un qualsiasi ambiente, sia esso interno o esterno, si devono individuare i protagonisti della scena. In una sala potrebbero essere il tavolo, i quadri o una TV. Nel ortile invece potremmo trovarci a dover illuminare piante, colonnati, vialetti o piscine. Comunque il metodo non cambia poi molto. Così come le TV preferiscono la luce indiretta posizionata dietro di esse per migliorarne la resa, i quadri al contrario vogliono una luce neutra ma diretta che ne elogi i dettagli. Allo stesso modo quando parliamo di elementi da esterno, come ad esempio un albero o una fontana, ci sono si dei dictat da seguire ma nel complesso c’è molta più libertà decisionale sul come compeltare la scenografia.

Un esempio di led per esterno impiegati per illuminare un ulivo secolare

 

Punto primo: Considerare lo scenario da illuminare

Oltre a pensare al perchè ed a cosa si sta illuminando, si deve far attenzione soprattutto al punto di vista dell’osservatore. Bisogna quindi tenere a mente:

  • Cosa si vede dalle finestre – Inutile illuminare elementi che rimangono nascosti o peggio ancora lasciare in ombra uno scorcio meraviglioso
  • Punti Focali dello Scenario – Scegliete un paio di protagonisti per ogni area da illuminare. In un patio potrebbe essere interessante delinare il colonnato con luci radenti dal basso ed il centro del cortile con luci diffuse dall’alto.
  • Il senso di profondità – Un’illuminazione troppo diffusa potrebbe comportare una perdita di profondità, restringendo ambienti altrimenti imponenti. È importante dare dei punti di riferimento visivi senza eccedere.
  • Luce diffusa vs. Luce mirata – Il giusto dosaggio di luci intense e luci diffuse agevola la percezione del paesaggio. Le luci diffuse sono ottime per gli ambienti da vivere, come i porticati. Le luci dirette invece identificano gli elementi portanti dell’ambiente. (vedi il primo punto di questa lista)

 

Sinergizzare le Luci

Ci sono tre modi principali per direzionare la luce:

led per esterno dall'alto verso il basso

  1. Dall’alto al basso – Tramite un lampione, dei faretti o una sospensione. In questo modo si crema una luce morbida che si diffonde in modo omogeneo che richiama l’effetto “Luna piena”. È quindi ideale per illuminare gli ambienti da vivere.un esempio dell’illuminazione fatta tramite led per esterno che vanno ad illuminare un’area dall’alto verso il basso, diffondendola in modo omogeneo
  2. Dal Basso verso l’alto – In questo caso si punta tutto sull’effetto scenico di una luce puntata dal basso, impiegata quindi per delineare le forme e creare chiaroscuri netti. È senza dubbio fondamentale se si vogliono valorizzare elementi importanti nello scenario, come alberi e statue.
  3. Parallelamente al suolo – Facendo illuminare l’area partendo da una superfice verticale, ad esempio una parete o un paletto, si “eliminano” le ombre sulle superfici illuminate. In questo modo si esaltano le forme di elementi tendenzalmente inferiori al metro e mezzo di altezza, come siepi o rocce.

Quali aree vanno illuminate?

Ci sono diversi benefici derivanti dall’illuminazione degli ambienti esterni, ad esempio l’aumento della sicurezza della proprietà, sia dai maleintenzionati che dai semplici infortuni. Tutto questo avviene (o meglio, può avvenire se si seguono queste regole e la guida di un esperto) contemporaneamente al miglioramento del lato estetico. In particolare grazie all’uso di Led per esterno di qualità, come quelli della Simes, azienda con la quale abbiamo avuto il piacere di collaborare per più di un progetto. Il led consentono infatti di dediarsi più facilmente all’estetica, oltre che alla durata ed all’efficenza.

 

  • Vialetto d’accesso

    Led per esterno direzionati dal bassoEstremamente importante utilizzare una luce che ne elogi l’aspetto oltre che ad assicurare un passaggio sicuro e privo di ostacoli. Tuttavia non è strettamente necessario impiegare luci che ne delimitino i bordi: è infatti possibli illuminare per sottrazione o per sublimazione delle forme.

  • Patio, Veranda o Gazebo

    In questi luoghi si passa la maggior parte del tempo in compagnia (o in solitario Relax) ed è quindi consigliabile creare un ambiente confortevole con l’uso di luci dall’alto verso il basso, in modo da diffondere la luce il più possibile senza accecare i presenti.

  • Alberi e Piante

    Qui invece abbiamo bisogno di elogiare la bellezza del soggetto illuminato. L’impiego di luci dal basso verso l’alto o perpendicolari all’elemento da esaltare (ad esempio un roseto) è quindi quasi d’obbligo. Gli alberi poi possono anche svolgere la funzione di sostegno all’illuminazione stessa, fissando luci fra i loro rami per illuminare altre zone.

 

 

  • Elementi acquaticiLed per esterno immersi

    Fontane, laghetti o piscine esigono la loro parte di illuminazione. Oggi in commercio troviamo lampade che possono tranquillamente essere completamente sommerse dall’acqua per anni ed anni, senza rischi per chi entrasse in contatto con l’acqua stessa. Che senso ha farsi realizzare uno splendido giardino giapponese con tanto di carpe koi se non le si possono ammirare anche di notte?

 

 

 

 

 

 

  • Elementi architettonici

    Ultimi della lista ma di certo non in importanza, gli elementi architettonici dell’abitazione non sono certo da sottovalutare. Pensate ad esempio ad arcate meravigliose costruite qualche secolo fa o a colonnati che fanno invidia a i templi greci. Perchè soffermarsi ad elogiare l’aspetto di una pianta o una statua quando magari è la casa stessa ad essere un’opera d’arte?

 

led da esterno illuminano la facciata

Concludendo

Come sempre l’importante è saper riconoscere la qualità. Prodotti come quelli proposti dalla Simes fanno davvero la differenza, insieme all’apporto di persone qualificate nella ricerca dell’armonia illuminotecnica. L’importanza di saper piazzare la luce adata, nel posto giusto e con le qualità tecnica ideali è sicuramente un buon 60% dell’opera. Per il restante 40% potete attenervi alle dritte che vi abbiamo indicato. Se volete maggiori informazioni riguardo ai prodotti nelle foto o se volete maggiori consigli sull’argomento, non esistate a contattarci o a commentare l’articolo!

Palazzo della provincia, Bergamo, Italia

Leave a Comment